inicio novedades biografía contacto fragmentos publicaciones enlaces obra artística inglés





Castellano

Deutsch

English

Français

Italiano

Nederlands

Português

A proposito di Rubén Figaredo


Rubén Figaredo è nato nel 1963 a Gijón, città costiera del Principato delle Asturie. Ha studiato musica al conservatorio e ha suonato con diversi gruppi durante gli anni '80 e '90. Ha studiato Storia dell'Arte presso l'Università di Oviedo e nel 2007 ha conseguito un Dottorato in Storia e Scienze della Musica.

Nel suo primo libro, pubblicato nel 1987 dal titolo Hiedra, historia y piedra: torres, castillos y palacios rurales Asturianos, Figaredo si presenta come storico e fotografo. La seconda pubblicazione Marinos, puertos y barcos en la antigua Asturias (Librería Cervantes, Editores Trea y Oviedo) è del 2002 ed è scritto in collaborazione con Hernán del Frade de Blas: tratta il patrimonio storico e culturale delle Asturie, studio che ha ricevuto il Premio Alfredo Quirós Fernández 2002. Nello stesso anno è stato pubblicato anche Por amor al arte. Fragmentos de una enseñanza desconocida (Ed. Facultad de Geografía e Historia de la Universidad de Oviedo).

Da parecchi anni Figaredo si occupa della rubrica “Viaggiare” per il quotidiano El Mundo e per El Periódico del Motor nelle quali documenta i suoi itinerari attraverso i deserti del reale o le isole dei beati. La sua passione per la diffusione del patrimonio culturale è evidente negli scritti in cui Figaredo decide di seguire le tracce dei Templari, dalla Sardegna fino al Finis Terrae, per raccontare le loro esperienze di città eterne, in cui vita e morte convivevano, narrando le vicende della misteriosa terra di Stonehenge e della Scozia. Ha pubblicato numerosi articoli e tiene conferenze sulla storia e sul patrimonio culturale asturiano.

Figaredo è un collaboratore stabile di ABACO Revista de Cultura y Ciencias sociales. Il numero 58, intitolato El precio de la Utopía en tiempos de incertidumbre, e il numero 59, La Musica del futuro, el futuro de la música, entrambi del 2009, sono stati pubblicati sotto la sua direzione. È inoltre l’autore di alcuni script per la televisione indipendente asturiana - nel 2005, ad esempio, si è occupato del documentario La puerta del cielo. Arte prerrománico asturiano.

Nel novembre 2007 ha conseguito il Dottorato in Storia e Scienze della Musica con una tesi dal titolo Juan Hidalgo. El sonido del gesto che tratta oltre al lavoro dell'artista Hidalgo, il Neo-Dadaismo spagnolo del gruppo ZAJ. In qualità di profondo conoscitore e studioso dell’argomento, è stato co-autore del catalogo ZAJ - Collezione Archivio Conz, pubblicato nel 2009 in occasione della mostra presso El Círculo de Bellas Artes di Madrid.
 
Nel 2008 ha pubblicato Ángulos Muertos - NUEVAS ENTREGAS PARA VIAJEROS, una raccolta di 41 brevi saggi che rivelano tutta la sensibilità di Figaredo, «una declaración de amor al viaje de quien se demora en los sitios y una declaración bélica contra el turismo y una conjura contra la falta de comunicación» (una dichiarazione d’amore ai viaggi di chi si sofferma nei luoghi, una dichiarazione di guerra contro il turismo ed una condanna alla mancanza di comunicazione). Il titolo del libro fa riferimento a «aquellas cosas que pasan desapercibidas al retrovisor de la memoria» (quelle cose che passano inosservate allo specchio retrovisore della memoria); «hablo de viajeros, de viajeros contra turistas, porque los viajeros son una especie en extinción» «Parlo di viaggiatori, di viaggiatori in opposizione ai turisti, perché i viaggiatori sono una specie in via d’estinzione». In Ángulos Muertos Figaredo rivela una conoscenza profonda della storia, della letteratura e delle arti; attraverso le sue fotografie illustra la sua testimonianza e col suo occhio attento per i dettagli mostra la condizione dell'uomo che risulta tradito dalle acute immagini che catturano l'essenza del momento, che troppo facilmente scivola nell'oblio. Una di queste spedizioni - Suecia y los restos de un naufragio – è apparsa tradotta in olandese nel numero 23 (giugno 2008) della rivista letteraria Tortuca.

Rubén Figaredo contribuisce come editorialista con una rubrica settimanale al quotidiano asturiano La Nueva España. Attualmente sta lavorando a diverse pubblicazioni nel campo della storia dell’arte, della musica e della letteratura e sogna nuove esplorazioni, nei luoghi, nella mente, nella musica e nel linguaggio – alla ricerca di frammenti di paradiso.